SUCCESSIONE EREDITARIA - Rinunciare all'eredità -

Vai ai contenuti

Menu principale:

SUCCESSIONE EREDITARIA - Rinunciare all'eredità


SUCCESSIONE - EREDITARIA . com

SUCCESSIONE EREDITARIA

Rinunciare all'eredità



Come si rinuncia all'eredità?

Innanzitutto dobbiamo premettere che nessun chiamato all'eredità è obbligato a sottentrare nei rapporti giuridici del de cuius.

I modi per rinunziare all'eredità sono:

·   lasciar prescrivere il termine previsto per il diritto di accettare l'eredità (10 anni)
·   fare espressa rinunzia all'eredità

Attenzione: quanto alla prima ipotesi è utile ricordare che vi sono casi di acquisto automatico dell'eredità. Un esempio è dato dall'art. 485 c.c. per il quale viene considerato erede puro e semplice chi, essendo in possesso di beni ereditari, non proceda all'inventario entro tre mesi dall'apertura della successione o dalla notizia della devoluta eredità.

La rinuncia all'eredità, invece, è un negozio giuridico vero e proprio, con il quale, il chiamato a succedere in qualità di erede, rifiuta l'offerta dell'eredità.

Le motivazioni possono essere molteplici, e non rilevano ai fini della validità.

Ma dunque, come si può effettuare una rinuncia all'eredità?

Innanzitutto è necessario che la volontà di rinunciare venga espressa dinanzi a un notaio o dinanzi al cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, in quanto la rinuncia di cui si parla è un atto importante, solenne in senso giuridico.

Dal momento, inoltre, che si potranno avere effetti nei confronti di terzi, la legge richiede anche la pubblicità della rinuncia all'eredità, all'interno del registro delle successioni.

Attenzione: è possibile rinunciare all'eredità solo successivamente all'apertura della successione, non prima.
HAI DOMANDE?



HAI DOMANDE?

CONTATTA L' AVVOCATO
PIU' VICINO A TE

MILANO
TORINO
BRESCIA

Cerca L' AVVOCATO PIU' VICINO A TE
MILANO TORINO BRESCIA
clicca sulla città e descrivi la tua situazione





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu